Il Comitato PoloFoodWine ad Expo Dubai

Precursore dell’obiettivo globale della mobilità sostenibile per le merci della filiera agroalimentare.

Il Comitato Polofoodwine ha raggiunto un traguardo molto importante esponendo la propria idea progettuale, di una logistica ecosostenibile per la filiera agroalimentare, all’Expo Dubai presso il padiglione del Principato di Monaco.

Il Comitato Promotore, ideato dall’avvocato braidese Annalisa Genta, e fondato dalla stessa con Finpiemonte Spa, Iren Energia, Geac Spa Aeroporto di Levaldigi, Finsa Spa, Mariano Costamagna, Tesi Spa, Magma Marketing, Sebastiano Contegiacomo, Vita – Valore Italia, Stecca Fabrizio, ha raggiunto oggi i settanta componenti, tra questi importanti imprenditori, associazioni di categoria, associazioni, professionisti e docenti universitari del territorio che, in sinergia, si impegnano per promuovere la progettazione di una logistica sostenibile dedicata al comparto agroalimentare-vitivinicolo, capace di valorizzare al meglio le eccellenze piemontesi esportandole in tutto il mondo e facendo comprendere la strategicità della posizione del Basso Piemonte nella ripartizione del trasporto merci in ambito nazionale.

Expo Dubai è la prima Esposizione Universale in un Paese arabo, i temi trattati sono l’OPPORTUNITA’: liberare il potenziale dei singoli e delle comunità e per creare un futuro migliore; la MOBILITA’: creare sistemi innovativi di logistica, trasporto e comunicazione di persone, beni e idee; la SOSTENIBILITA’: accessibilità e resilienza delle risorse ambientali, energetiche e idriche.

Il Padiglione di Montecarlo ospita il PoloFoodWine ad Expo Dubai

Il discorso di presentazione del Comitato Polofoodwine si è svolto davanti ad autorevoli rappresentanti del mondo dell’imprenditoria tra cui Madame Marie Christine Oghly, Presidente della Global Women Entrepreneurs (FCEM), Madame Johanna Houdrogue, Presidente delle Donne Imprenditrici di Monaco, Madame Patricia Basso, manager del Three Towers Corporate Services Provider, Madame Hend Al Khalifa, Presidente delle Donne imprenditrici del Bahrain.

Il Presidente del Comitato ha rimarcato l’importanza di una mobilità sostenibile, tema principale dell’Expo Dubai, anche per le merci del comparto agroalimentare, capace di utilizzare mezzi e tecnologie green, di ottimizzare i carichi nei trasporti e di migliorare le infrastrutture per ridurre le emissioni di CO2 nell’ambiente.

Obiettivi del Comitato Polofoodwine sono la progettazione di una logistica che, tutelando l’ambiente, promuova in tutto il mondo i prodotti del nostro territorio garantendone qualità e provenienza e la costituzione di una rete tra le varie realtà economiche esistenti: aziende, scuole, università, associazioni, consorzi e fondazioni, uniti per sviluppare una “green supply chain”. Il fine è saper produrre, saper trasformare, saper esportare in maniera sostenibile. Il messaggio del Polofoodwine rivolto al mondo, tramite la presenza ad Expoi Dubai è che il modello di mobilità sostenibile per le merci proposto è perfettamente replicabile in tutto il mondo ed è un passo necessario da compiere la vera Transizione Green.

Nel padiglione monegasco, erano presenti, inoltre, alcuni soci del Polofoodwine che hanno promosso le loro attività: Delizie Bakery Srl, specializzata nella produzione di prodotti da forno dolci e salati, Sisea Srl, azienda operante nel settore ecologico ambientale e della gestione dei rifiuti, Sartirano Figli Cantine e Vigneti Srl, azienda produttrice di vini e titolare delle cantine San Silvestro e Costa di Bussia, Marullo-Pistacchio Spa, azienda di produzione e trasformazione della nocciola Piemonte, White Ready Srl, azienda operante nel settore cyber security e data center, Fly Free Airwais Srl, compagnia aerea privata e tour operator specializzato in business travel management, Confraternita della Nocciola, associazione no profit per la promozione della nocciola piemontese e dell’Alta Langa, Acqua di Cherasco, artigiano creatore di fragranze per ambiente, Mauro Riccardi, artigiano produttore di cioccolato.

La permanenza a Dubai, proficua sotto il punto il di vista delle relazioni, degli scambi commerciali, della promozione delle aziende, dei territori e della filosofia green nella supplay chain, si è conclusa con la nomina da parte della Confraternita della Nocciola di Cortemilia dell’Ambasciatore della Nocciola nel mondo a Dubai, lo chef Giovanni Papi dell’Hotel Armani all’interno del famoso grattacielo Burj Khalifa.

L’avvocato Genta commenta così la missione: “ringrazio tutti i partecipanti e in particolare il socio CEREM (Chambre des Energies Renouvelables et de l’Ecologie de Monaco) presieduto da Eric Villalonga e il cui segretario generale, Madame Joelle Baccialon, è componente del comitato scientifico del Polofoodwine, per aver consentito al Polofoodwine di farsi conoscere in ambito internazionale nella prestigiosa vetrina monegasca e per aver, sin da subito, creduto nella nostra idea progettuale. Il Principato di Monaco e il Piemonte, avendo la stessa vocazione, collaborano da sempre puntando sugli stessi valori: preservare le eccellenze così come l’ambiente. L’occasione ha dimostrato l’attualità dei temi da noi trattati – sviluppare una filiera agroalimentare sostenibile anche dal punto di vista della logistica è un obiettivo primario anche a livello globale. Noi del Basso Piemonte lo abbiamo capito sin da subito.
Come sempre i grandi cambiamenti iniziano da piccoli passi!

Abbiamo dimostrato con la nostra presenza a Dubai che le piccole, medie e grandi imprese del territorio del Basso Piemonte, con orgoglio, si muovono già nella direzione della produzione e promozione ecosostenibile. Un grande esempio!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.